^Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5

CicognaSprint NEWS!

 

"A VOLTE, DIETRO A PICCOLE ASSOCIAZIONI, CI SONO GRANDI PROGETTI" 

 

 

 

 

   

 

 Le nostre bomboniere solidali, un gesto per sostenere la nostra associazione

 - - - -

 Le magliette CicognaSprint, un'idea regalo sostenibile

- - -

Nuovo Progetto: consulta il menu' OBBIETTIVI

troverai il Nuovo Progetto 2017

 

 

 

 

 

 

CicognaSprint Onlus e' membro di Vivere Onlus, coordinamento Nazionale delle Associazioni per la Neonatologia

 

per informazioni: info@cicognasprint.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO NATO PREMATURO

 
Questa carta nasce con lo scopo di far riconoscere dalle Istituzioni il diritto prioritario dei neonati prematuri di usufruire nell’immediato  e nel futuro del massimo livello di cure e di attenzioni congrue alla loro condizione. È correlato a ciò il diritto-dovere per i genitori, o per chi li rappresenta giuridicamente, di ottenere a loro beneficio ogni migliore opportunità riferibile allo stato della persona. Il termine “neonato prematuro” è da riferirsi ad un neonato ad alto rischio perinatale in quanto nato prima del completamento della 37^ settimana di gravidanza.

Art. 1 - Il neonato prematuro deve, per diritto positivo, essere considerato una persona.

Art. 2 - Tutti i bambini hanno diritto di nascere nell’ambito di un sistema assistenziale che garantisca loro sicurezza e benessere, in particolare nelle condizioni che configurino rischio di gravidanza/parto/nascita pretermine, di sofferenza feto-neonatale e/o di malformazioni ad esordio postnatale.

Art. 3 - Il neonato prematuro ha diritto ad ogni supporto e trattamento congrui al suo stato di salute e alle terapie miranti al sollievo dal dolore. In particolare ha diritto a cure compassionevoli e alla presenza ell’affetto dei propri genitori anche nella fase terminale.

Art. 4 - Il neonato prematuro ha diritto al contatto immediato e continuo con la propria famiglia, dalla quale deve essere accudito. A tal fine nel percorso assistenziale deve essere sostenuta la presenza attiva del genitore accanto al bambino, evitando ogni dispersione tra i componenti il nucleo familiare.

Art. 5 - Ogni neonato prematuro ha diritto ad usufruire dei benefici del latte materno durante tutta la degenza, e non appena possibile, di essere allattato al seno della propria mamma. Ogni altro nutriente deve essere soggetto a prescrizione individuale quale alimento complementare e sussidiario.

Art. 6 - Il neonato prematuro ricoverato ha il diritto di avere genitori correttamente informati in modo comprensibile, esaustivo e continuativo sull’evolvere delle sue condizioni e sulle scelte terapeutiche.

Art. 7 - Il neonato prematuro ha il diritto di avere genitori sostenuti nell’acquisizione delle loro particolari e nuove competenze genitoriali.

Art. 8 - Il neonato prematuro ha diritto alla continuità delle cure post-ricovero, perseguita attraverso un piano di assistenza personale esplicitato e condiviso con i genitori, che coinvolga le competenze sul territorio e che, in particolare, preveda, dopo la dimissione, l’attuazione nel tempo di un appropriato follow-up multidisciplinare, coordinato dall’équipe che lo ha accolto e curato alla nascita e/o che lo sta seguendo.

Art. 9 - In caso di esiti comportanti disabilità di qualsiasi genere e grado, il neonato ha il diritto di ricevere le cure riabilitative che si rendessero necessarie ed usufruire dei dovuti sostegni integrati di tipo sociale, psicologico ed economico.

Art. 10 - Ogni famiglia di neonato prematuro ha il diritto di vedere soddisfatti i propri speciali bisogni, anche

attraverso la collaborazione tra Istituzioni ed Enti appartenenti al Terzo Settore. Carta dei diritti del bambino nato prematuro.

 

COPYRIGHT 20013  Retro Dedsign